3 ORE COME SINGLE, parte 1 - Basilicata Trasgressiva

3 ORE COME SINGLE, parte 1 - Basilicata Trasgressiva

Dopo di parlare con un’amica mi ha consigliato di sfogarmi portandovi questa storia, solo per raccontarvi su quello che ho fatto dopo una bella litigata con la mia moglie, in cui avevamo deciso di andare via ognuno per il suo lato, cioè, separazione.


Come succede con tutte le coppie, sempre ci sono dei problemi che portano stanchezza nella relazione, al punto che davvero ci si pensa in lasciare tutto tipo nella spazzatura, proprio così perché a volte si vive una vita di merda… Comunque, le relazione, vanno avanti così, un giorno su, un giorno giù, ma quando si raggiungono tanti giorni in giù, non fa venire altro che voglie di trovare uno sfogo fuori da casa.


E così l’ho fatto io.


Da tanto tempo cercavo in modo nascosto sulle App dal mio telefonino, come cazzo trovare una ragazza, anche una transessuale che volesse farmi un pompino, che volesse essere scopata, e l’ho trovato, sfogliando su internet ho trovato un gruppo, una sexy community nominata come community dei trasgressivi, e mi è piaciuta tantissimo, e mi sono registrato subito. Ho presso contatto con lei e ci siamo messi d’accordo per incontrarci un sabato al pomeriggio che la mia moglie doveva rimanere impegnata, la sorpresa più fantastica è che lei era vicinissima alla mia casa, praticamente a pochi passi, stessa via, tutto…


Così, ci siamo messi d’accordo e tranquillamente, senza pensare troppo, per prima volta, avevo deciso di tradire alla mia moglie, ero stanco, anche con lei non mi trovo al mio agio mentre facciamo il sesso, troppo routine con lei, sempre la stessa cosa, sempre la stessa posizione, non le piace farmi un bel pompino con ingoio, e questo a tutti noi uomini è una cosa che ci fa impazzire. Magari per ragioni come queste, tanti uomini, tante coppie si divorziano, oppure si tradiscono tra di loro. La mia idea, ripeto, era sfogarmi, lasciare in dietro tutta questa filippica con lei e vedere se si riesce ad andare avanti. Arrivato il sabato, erano le 15.00 e sono andato da lei, il portone di accesso al condominio era già aperto, sono andato sulle scale fino al quarto piano, la porta di quel’appartamento era aperta, era evidente che mi aspettava, e altro che nervoso, ero eccitato, deciso a godere, a passare un momento delizioso. Appena entrato in quel bel posto pulito, discreto e tranquillo, lei mi ha portato direttamente in camera e senza parole, solo con voglie, iniziamo a passarla benissimo.


Ci togliamo pantaloni, giubbotti, magliette, calze, tutto, siamo rimasti nudi, subito, mi ha fatto sdraiarmi sul letto, e ha iniziato a farmi un pompino con tante voglie che sembrava come un pompa automatica di quelle che vendono nel Sexsxhop della città in cui abito. Era bravissima, aveva quel culetto delizioso, della pelle liscia, un corpo mozzafiato, le tette che erano perfette, e per prima volta ho visto un cazzo bello come il mio, non era così di grande come il mio, ma era bellino, buona forma, buon aspetto, e taglia rispettabile.


Mi sono sentito attratto di lei, anche del suo cazzo, mentre lei si passeggiava leccandomi tutto il corpo, ho pensato in esperimentare cosa ci provava leccare un cazzo come il suo, ho presso il suo pisello con miei mani, e mi ho messo in posizione di 69, ho iniziato a pompinare il suo cazzone, era un’emozione stupenda, non so come mai non l’avevo fatto prima, ero abituato a leccare solo la figa della mia moglie, ma questo era pazzesco, un 69 diverso e ancora più delizioso che il solito. Dopo di godere tanti minuti di perversione con il cazzo in bocca, ho iniziato a penetrarla, mettendomi il preservativo, il lubrificante che avevo presso in modo nascosto dal bagno da casa mia, e mi lo sono portato per sicurezza, quella bambola piagnucolava come nessuna, questo mi faceva venire in mente quanto stava lei godendo, la vedeva in faccia e mi piaceva tanto che ero totalmente eccitato, mi sono scatenato a scoparla, lei mi chiedeva duro, duro e più duro, mi chiedeva di stringere sui pezzi, il suo collo, di sculacciarla, era una porca, molto porca, molto disposta a fare tutto quanto le chiedevo…


Di tanto piacere e passione, l’ho fatta venirsi da sola, ha fatto una sborrata pazzesca, incredibile, tantissimo latte, tanto sperma, in tanto io continuavo con il movimento mentre lei mi chiedeva di più, e le dava come lei voleva, con voglie, con passione, focosa, per prima volta mi sentivo come quel uomo insaziabile che di solito si guarda solo nei film porno. Siamo arrivati a un punto in cui le faceva male, non sopportava di più il mio cazzo dentro il suo culetto stretto e mi ha chiesto finalmente di finire, tranquillamente, ho presso fuori il mio giocattolo e glielo messo in bocca, chiedendo se lei voleva ingoiarsi tutto quanto avevo per lei. Davvero che avevo riservato tanto sperma che non so come mai era tutto dentro le mie palle…


Ehilà, in quel momento, dopo altro pompino, mi ha fatto sborrare, lanciando tutto il mio regalo di sperma nella sua faccia, lei era felice, contenta, esaurita, deliziava tutto quello e si bagnava di latte, il mio latte, quello era uno spettacolo per me che mi ha lasciato super carico, non avevo finito de ero già pensando nel prossimo incontro. Sono andato in bagno, molto pulito, mi ho fatto una doccia dopo due ore di sesso scatenato e ci siamo vestiti… Per finire, ci siamo salutati, e ci siamo messi d’accordo per il prossimo sabato sempre nello stesso orario, per un prossimo incontro…


Sono già carico, con energia, con voglie, con il pensiero riempito di idee per quella prossima volta. Ricordo che sono andato rilassato a casa, tranquillissimo, pensando e ripensando in tutta quella scena, sperando realmente quel prossimo incontro nascosto in cui volevo riprovare la magia del 69. Sapete che dopo ripensare tanto, penso che non ho tradito a la mia moglie, eravamo arrabbiati, avevamo litigato e deciso il divorzio, e stavo vivendo già le prime 3 ore come single dopo quella litigata..

Vota la storia:




Iscriviti alla Newsletter del Sexy Shop e ricevi subito il 15% di sconto sul tuo primo acquisto


Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali come previsto dall'informativa sulla privacy. Per ulteriori informazioni, clicca qui

Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI